360 ATELIER - La nostra sede

In questo nuovo articolo i ragazzi di 360 ATELIER ci descriveranno la loro sede nelle sue caratteristiche, facendoci entrare nella loro quotidianità e ci spiegheranno le scelte che hanno fatto per l'arredamento e per gli spazi necessari alle loro esigenze.

Inutile dire che quanto descritto tra poco è frutto della loro esperienza relativa a uno studio professionale e di coworking, di conseguenza questo stile di arredo non sarà nelle "corde", per usare un termine musicale, in altri contesti con altre necessità.

Senza anticiparvi nulla vi lascio nella lettura, breve ma coinvolgente della descrizione di questo spazio molto interessante.


Se foste interessati a questo Link potete trovare l'altro articolo dei ragazzi di 360 ATELIER.





SEDE 360 ATELIER


La sede di 360atelier è una semplice stanza all’interno di una composizione di realtà cooperanti e conviventi all’interno di ZAP-Zona Aromatica Protetta. Potrebbe risultare difficile credere a come una semplice piccola stanza bianca possa essere allo stesso tempo contenitore di molte funzioni: eventi, riunioni, relax e convivenza. Un grande tavolo composto a formare una strategica “tavola rotonda” diventa luogo ideale per un lavoro adatto alla riunione e al confronto intelligente, un comodo divano e una zona ristoro rappresentano un momento di relax, le pareti vengono coperte da pannelli e da scaffali contenenti progetti passati, presenti e futuri, un comodo modo di lavorare in gruppo.





La stanza è abbigliata di piante di vario genere e di luci che puntando il soffitto assicurano una illuminazione chiara e poco stressante per gli occhi. L’unica fonte di illuminazione naturale proviene da una porta finestra che affaccia direttamente su una delle strade cittadine più trafficata dal turismo, Via dei Cerretani. l contrasto tra la quiete della corte interna di ZAP e il rumoroso vociferare dei passanti di Via de Cerretani creano un equilibrio interessante e piacevole. La stanza riesce, nonostante le dimensioni ridotte, grazie all’attenta disposizione degli arredi, ad essere convivenza di due realtà diverse, esse convivono e lavorano all’interno di uno stesso spazio senza limitarsi e senza difficoltà di lavoro.





La progettazione intelligente dell’arredamento permette l’inserimento di molte funzioni all’interno di una stanza inizialmente bianca, non rinunciando alla creazione di uno spazio che nel grigio cittadino, prende parte di un’autentica oasi verde.




Buona giornata, arredatori!

Ringraziando per questa collaborazione 360 Atelier ci rivediamo per il prossimo aggiornamento con altri temi su cui ragionare.

#associazione360 #architettura #coworking

26 visualizzazioni